Piping: utilizzare l'email per aggiungere contenuti al tuo sito

Una delle cose divertenti da fare con i computer è pensare fuori dagli schemi, usare strumenti per cose per cui non sono stati progettati. L’email è uno dei miei giocattoli preferiti con cui cimentarmi. L’email è universale e tutti la usano.

Cosa possiamo far fare all’email che non fa già normalmente? La posta elettronica è un sistema di consegna, quindi possiamo usarla non solo per fornire dati di qualche tipo, ma anche per attivare eventi che inducono un computer da qualche parte a fare qualcosa per noi. Se necessario, l’email può anche rimandarti indietro una risposta.

Agli albori del Web, esistevano indirizzi email a cui potevi inviare un messaggio con un URL nel corpo. Questo URL veniva recuperato dalla mail e ti veniva mandata indietro una risposta. Siccome l’email è stata inventata prima dei browser, c’è stato un tempo in cui le persone avevano la posta elettronica ma non il browser per accedere al web. Quindi l’email era un ottimo modo per accedere al web prima dell’avvento dei browser. Il rovescio della medaglia era che la maggior parte delle email a quel tempo non supportava le immagini, ma andava bene lo stesso perché quasi nessuna pagina web aveva immagini. 🙂

Io più volte ho utilizzato la posta per fornire dati e attivare processi di elaborazione. L’anno scorso ad esempio, per la festa della mamma, ho creato cornici digitali di mia madre e mia suocera basate su Raspberry Pis. La gestione dei media front-end per questi frame è stata fatta con un sito WordPress. Questo mi ha fornito una comoda API per inviare immagini. Il problema è che i miei fratelli non sono programmatori, quindi avevo bisogno di un modo semplice per inviare immagini a questi frame. L’email è stata la soluzione più semplice.

Ho creato un sistema che permette di inviare una foto tramite posta elettronica. Ogni cornice digitale ha un indirizzo email a cui poter inviare immagini. Mentre WordPress gestisce tutta la gestione degli utenti e l’elaborazione delle immagini, il sistema di posta di SiteGround mi consente di realizzare tutto questo.

Il modo per farlo è chiamato Piping che significa “trasportare”. In questo caso si parla del contenuto di un’email che viene trasportato a un programma di tua scelta.

Mi fermo qui e ti dico in anticipo che se non sei un programmatore o almeno un utente molto tecnico, questo non fa per te. I programmatori possono scrivere programmi (come ho fatto io) per prendere l’input ed elaborarlo. Gli utenti più tecnici possono essere in grado di installare programmi, sul proprio server, che accetteranno l’input e faranno qualcosa con esso. Se non fai parte di uno di questi due gruppi, ti suggerisco di cercare un programmatore di cui ti fidi e assumerlo per aiutarti a farlo.

Iscriviti per
altri fantastici contenuti!

Iscriviti per ricevere la nostra newsletter mensile con gli ultimi contenuti utili e le offerte SiteGround.

Grazie!

Per favore, controlla la tua email per confermare l’iscrizione.

Con SiteGround il processo è piuttosto semplice. Per prima cosa crei un indirizzo email, quindi crei un filtro per quell’indirizzo email.

Nel mio caso, ho creato un indirizzo tipo fotodellamamma@esempio.com nel mio Site Tools.

Quindi sono passato ai filtri e ho creato un filtro per fotodellamamma@esempio.com.

  1. Gli ho dato un nome che potevo riconoscere, “Trasporta immagini al frame di mia madre”
  2. Ho impostato le condizioni adeguate. Volevo che questo filtro si attivasse ogni volta che un’email arrivava a fotodellamamma@esempio.com. Quindi l’ho impostato su:

    a) IF ANY
    E poi, l’ho impostato per attivarsi sull’indirizzo email A

    b) A simili fotodellamamma@esempio.com
  3. Infine, l’ho impostato per eseguire azioni. In questo caso, eseguo 2 azioni:

    a) Trasporta a un programma

    Qui è dove devi essere un programmatore. Ho scritto il programma necessario per elaborare le email e l’ho caricato sul mio sito SiteGround. Devo conoscere il percorso esatto e il nome del programma affinché funzioni. Anche un buon programmatore dovrà fare qualche prova per farlo bene. Tuttavia, una volta fatto, sarà facile farlo di nuovo.

    b) Elimina messaggio

    Ricordi che la prima cosa che ho fatto è stata creare un vero indirizzo email? Ciò significa che, a meno che non faccia qualcosa, le email verranno effettivamente archiviate per questo indirizzo. Dal momento che non ho mai intenzione di accedere al server di posta elettronica per visualizzarle, desidero che ogni singola email in arrivo a fotodellamamma@esempio.com sia gettata dopo averla consegnata al mio script per l’elaborazione. Se volessi archiviare le email per un utilizzo futuro, non imposterei questa azione.

Questo è tutto. Supponendo che tu abbia un programma a portata di mano che accetta il contenuto di un’email e fa qualcosa di conseguenza, ora puoi attivarlo utilizzando facendo un Piping con SiteGround.

Una volta compreso il potere di inviare messaggi di posta ai programmi, le possibilità sono infinite. L’esempio che ho descritto è semplice ma non è l’unico. Poiché la posta elettronica è onnipresente e disponibile su quasi tutte le piattaforme, puoi aprire un mondo completamente nuovo di elaborazione e interazioni per i tuoi utenti.

Attenzione però: tieni presente che la posta elettronica non è mai troppo sicura. Devi mantenere sicurezza nelle tue applicazioni per assicurarti che solo gli utenti che desideri possano interagire con il tuo sistema. Il modo più semplice per farlo è controllare il mittente dell’email. Questo non ti darà la sicurezza piena, ma è sicuramente uno dei controlli che consiglio di fare.

author avatar
Cal Evans

PHP Evangelist

Una delle persone più amate della community PHP, ha dedicato oltre 16 anni allo sviluppo della straordinaria comunità PHP e al tutoring della nuova generazione di sviluppatori. Siamo estremamente onorati che sia anche un amico molto speciale di SiteGround.

Sviluppo

Inizia la discussione

Sei pronto a iniziare il tuo sito?

Scegli un piano di hosting, crea o trasferisci il tuo sito in pochi click e fai crescere la tua presenza online!

Inizia subito Parla con un esperto