Immagine raffigurante le e-mail che rimbalzano da una casella di posta

Frequenza di rimbalzo delle email: cos'è e come ridurla?

La frequenza di rimbalzo delle email è una metrica chiave nell’email marketing. Se è troppo alta, può causare seri danni alle tue campagne email e persino alla tua reputazione di mittente. In questo post ti aiuteremo a capire cos’è la frequenza di rimbalzo delle email, quali sono le sue cause e come tenerla sotto controllo per poter godere di un elevato tasso di consegna delle email.

Cos’è la frequenza di rimbalzo delle email?

Il tasso di rimbalzo delle email si riferisce alla percentuale di email inviate, ma non consegnate con successo alle caselle di posta dei destinatari. Più precisamente, questo tasso tiene conto dei messaggi che sono stati rifiutati dai server di posta elettronica dei destinatari, ma che sono stati restituiti al mittente con un messaggio di rimbalzo automatico che indica un errore di consegna.

Nota: La frequenza di rimbalzo non tiene conto dei messaggi email segnalati come SPAM e rifiutati a livello di rete senza che venga inviato alcun feedback al server di invio. Per ulteriori informazioni sul tema dello spam, consulta l’articolo Come evitare che le tue email finiscano nello spam.

Nell’email marketing, i rimbalzi non sono solo piccoli intoppi. Sono più che altro segnali che indicano che qualcosa non va. Può trattarsi di qualsiasi cosa, da un errore di battitura nell’indirizzo email a un problema con il contenuto dell’email o con il server di posta del destinatario. 

Per questo motivo, riconoscere e comprendere il tasso di rimbalzo delle email è fondamentale. Non si tratta solo di assicurarsi che i messaggi arrivino a destinazione. Contribuisce in particolar modo a mantenere la tua reputazione di mittente, facendo salire di livello le tue comunicazioni professionali. 

Ora, va tenuto presente che non tutti i tuoi messaggi di marketing saranno consegnati o porteranno conversioni, e questo è normale. (Puoi consultare il nostro articolo sul tasso di consegna delle email per una comprensione approfondita del percorso delle email e dei diversi ostacoli sul loro percorso). Tuttavia, se la percentuale di email rimbalzate è troppo alta, la tua attività ne risentirà.

In che modo il tasso di rimbalzo delle email influisce sulla tua attività?

Un’elevata frequenza di rimbalzo blocca i tuoi sforzi di marketing e può danneggiare la reputazione del mittente presso i provider di servizi email. Questo può anche portare a ulteriori problemi di consegna e ridurre ulteriormente la portata delle tue campagne email.

In qualità di fornitore di servizi di hosting email, nel corso degli anni abbiamo avuto clienti che ci hanno contattato alla ricerca del motivo per cui i loro messaggi non venivano recapitati. Sappiamo quanto questo possa essere frustrante, in quanto influisce sulle loro attività commerciali. A volte il motivo del rimbalzo è semplicemente un errore di digitazione dell’indirizzo del destinatario. In altre occasioni, il motivo può essere più complesso.

Chiariamo innanzitutto come un’elevata frequenza di rimbalzo delle email può influire sulla tua attività, in modo da sapere cosa potresti dover affrontare, se non intraprendi azioni correttive.

Riduzione dei tassi di coinvolgimento e di conversione 

Quando i messaggi di posta elettronica vengono respinti, non raggiungono i destinatari previsti e questo porta naturalmente a tassi di apertura e di click più bassi, il che significa un minore coinvolgimento con i tuoi contenuti. Se le tue email non vengono ricevute, significa che meno persone vedono e interagiscono con i tuoi contenuti. Di conseguenza, questo calo di coinvolgimento porta a una diminuzione delle conversioni, che a sua volta incide sui tuoi profitti. 

Risorse sprecate 

Ogni email respinta è uno spreco di tempo, fatica e denaro. È bene sapere che, anche se stai seguendo tutte le migliori prassi, ci saranno comunque dei messaggi che torneranno indietro, quindi preparati. Tuttavia, dovresti sforzarti di mantenere questo numero il più basso possibile. In pratica, un’alta frequenza di rimbalzo significa che non stai massimizzando il ritorno sull’investimento dei tuoi sforzi di marketing, perché una parte del tuo pubblico non riceve nemmeno i tuoi messaggi. Si tratta, in sostanza, di buttare i tuoi costosi sforzi commerciali. 

Analisi distorte 

I tassi di rimbalzo possono distorcere l’accuratezza dei dati analitici della tua campagna. Questo accade perché metriche come i tassi di apertura e le conversioni non possono riflettere accuratamente il comportamento del tuo pubblico se un numero elevato di email non raggiunge mai la destinazione. Anche se le altre metriche sembrano ottime, non si può prescindere dalla frequenza di rimbalzo. 

Ignorare la frequenza di rimbalzo può portare a interpretazioni errate delle prestazioni delle tue campagne email. Questo, a sua volta, potrebbe portarti a prendere decisioni aziendali non informate: non vedere il quadro completo può indurti a investire nelle aree sbagliate.

Reputazione del mittente danneggiata

I provider di servizi Internet (ISP) tengono traccia del numero di rimbalzi generati nel tentativo di prevenire lo spam. Più i rimbalzi sono alti, più gli ISP e gli ESP pensano che tu stia acquistando liste di email o facendo scraping di email. Di conseguenza, cominceranno a punirti segnalando le tue email come spam e questo può danneggiare la tua reputazione di mittente. Ciò si traduce in una riduzione del tasso di consegna delle email.

Per capire meglio come i filtri antispam prendono in considerazione il tasso di rimbalzo delle email, leggi il nostro post su Come evitare che le tue email finiscano nello spam.

Ripristinare una buona reputazione del mittente è difficile, quindi è meglio dedicarsi a prevenire un simile risultato.

Potenziale di inserimento in black list 

Continuare a inviare messaggi a indirizzi email che rimbalzano in continuazione può non solo attivare i filtri antispam dei provider di servizi email, ma anche far finire il tuo dominio e/o IP in una denylist. Ciò significa che i server email dei destinatari inizieranno a rifiutare tutti i tuoi messaggi come spam a livello di rete, facendo crollare ulteriormente il tasso di consegna delle tue email.

Come puoi notare, fissarsi sul fine senza considerare i potenziali esiti negativi e non prendere provvedimenti può causare molti danni alla tua attività. Per questo motivo, per adottare azioni volte a ridurre al minimo le frequenze di rimbalzo, è necessario comprenderne meglio le sfumature.  

Tipi di rimbalzo delle email

Quando si parla di email marketing, non tutti i bounce sono uguali. Ci sono due tipi principali da tenere d’occhio: gli hard bounce e gli soft bounce. Capire la differenza tra questi può aiutarti a migliorare i risultati complessivi della vostra campagna.

Hard Bounce

Un hard bounce è un errore di consegna permanente. Gli hard bounce si verificano quando si inviano email di marketing a:

  • Contatti inattivi – si tratta di email che non vengono più utilizzate. Un tempo erano indirizzi attivi e validi, ma ora non lo sono più.
  • Email inesistenti (digitate male) – si tratta di indirizzi non registrati.
  • Indirizzi email non validi – questi includono sia gli indirizzi inattivi che quelli errati, i due gruppi di cui sopra.

Se ci pensi, perché dovresti avere questi indirizzi nella tua lista di email? Forse ci sono utenti che si sono iscritti troppo tempo fa e i loro indirizzi non sono più in uso? Oppure i tuoi iscritti hanno lasciato indirizzi email “falsi” nei contatti del tuo modulo di iscrizione per essere sicuri che non li disturberai? Come quando dai un numero di telefono sbagliato a una persona che non ti piace e di cui vuoi sbarazzarti. Oppure, hai ricevuto la tua lista di email da qualche parte e non sai come questi utenti siano finiti nella lista, quindi forse ti hanno ingannato con una lista scadente? 

Ogni hard bounce è un chiaro segnale per rimuovere il prima possibile l’indirizzo problematico dalla tua lista. I provider di servizi di posta elettronica ti segnalano se ricevi troppi hard bounce perché riconoscono un “modello di spam”: pensano che tu abbia acquistato o rubato le email, o che tu stia cercando di “indovinare” le email all’interno di un’organizzazione, o altro ancora. Di conseguenza, la mancata rimozione immediata di tali email può danneggiare la tua reputazione di invio con i provider di posta elettronica.

Gli utenti di SiteGround Email Marketing possono tranquillamente contare su di noi per agire immediatamente e “sopprimere” gli indirizzi email che vengono rimbalzati, in modo da non inviare mai più email ad essi e quindi evitare sanzioni. Se durante l’invio di una campagna per te notiamo un tasso anormalmente alto di email rimbalzate, la mettiamo in pausa per evitare conseguenze negative. 

Soft Bounce

I soft bounce sono fallimenti temporanei di consegna dovuti a problemi che non indicano necessariamente un problema con la tua mailing list, ma di solito derivano da caselle di posta piene, messaggi che superano i limiti delle caselle di posta, problemi e tempi di inattività del server, autoresponder e altro.

Quando si verificano questi soft bounce, i diversi fornitori di servizi di posta elettronica possono intraprendere azioni diverse. Noi di SiteGround non ci arrendiamo, ma abbiamo una strategia che prevede più tentativi di reinvio dell’email, iniziando con tentativi più frequenti nelle prime ore e poi diminuendo. Questo sistema di riprova è progettato per consegnare con successo la tua campagna email il prima possibile, assicurando che rimanga in linea con i tempi e raggiunga le caselle di posta dei tuoi iscritti in modo tempestivo. Il nostro obiettivo è quello di ottimizzare il tasso di consegna delle email mantenendo lo slancio dei tuoi sforzi di email marketing.

Come misurare il tasso di rimbalzo delle email?

Il monitoraggio di questa metrica è essenziale per una sana strategia di email marketing. Per misurare il tasso di rimbalzo, occorre contare il numero di email rimbalzate, dividerlo per il numero totale di email inviate e moltiplicarlo per 100. Sembra un calcolo eccessivo, non è vero? Sembra un po’ troppo matematico?

Ecco perché la nostra piattaforma Email Marketing fa i conti per te. Calcoliamo il tasso medio di rimbalzo delle email che ciascuna delle tue campagne di email marketing genera, in modo da poterti aiutare con l’analisi dei risultati delle tue campagne.

Screenshot dalla sezione Analytics in SiteGround Email Marketing che mostra una frequenza di rimbalzo molto alta

Il tasso di rimbalzo delle email, calcolato nella sezione Analitiche della piattaforma di Email Marketing, mostra la percentuale di indirizzi email rimbalzati. Il Tasso di rimbalzo nella sezione Analitiche è un tasso di rimbalzo medio che comprende sia i soft bounce che gli hard

Come ridurre il tasso di rimbalzo delle email?

Dopo aver analizzato l’impatto negativo di un’elevata frequenza di rimbalzo sulle operazioni aziendali, ti forniamo le strategie per ridurla in modo efficace. Segui diligentemente queste best practice per le email e otterrai risultati migliori.

Rimuovi le email non coinvolte e inattive

Pulisci la tua lista di email dagli iscritti inattivi e non coinvolti ogni pochi mesi. Gli utenti che non aprono le tue email non sono semplicemente poco coinvolti, ma probabilmente diventeranno presto account “inattivi”. 

Non acquistare liste di email e non fare site scraping

Mantenere mailing liste aggiornate e pulite è una pratica fondamentale per ottenere un basso tasso di rimbalzo delle email e garantire la qualità della lista. Evita di acquistare mailing list a tutti i costi, poiché non ti porteranno i risultati desiderati se gli utenti che ne fanno parte non hanno acconsentito a ricevere i tuoi messaggi.

Implementa la doppia conferma

Con la doppia conferma, gli iscritti confermano il loro indirizzo email dopo l’iscrizione iniziale facendo click su un link di verifica inviato alla loro casella email. La doppia conferma ti consente di iscrivere nella tua lista solo indirizzi email validi e garantisce che il proprietario della mail sia realmente interessato ai tuoi contenuti e disposto a essere contattato. È un modo efficace per proteggere la tua reputazione di mittente e mantenere la tua frequenza di rimbalzo delle email a livelli bassi.

Evita le pratiche di spam

Evita le tattiche che fanno scattare i filtri antispam e che generano reclami per spam. Se sei troppo aggressivo o irrilevante, le tue email potrebbero finire nella cartella spam. Ovviamente, questo non è l’obiettivo, quindi dovrai prestare attenzione a ciò che includi nelle tue campagne.

L’invio di email con oggetto fuorviante o riempire i contenuti con un numero eccessivo di keyword e di linguaggio commerciale sono classiche pratiche di spam. 

Monitora e analizza tutti i dati sulle prestazioni della campagna

Tenere sotto controllo la frequenza di rimbalzo e le altre metriche delle email non è solo intelligente, è essenziale. Come si è già visto in questo articolo, i tassi di rimbalzo e di spam e tutte le metriche di coinvolgimento sono correlate e lavorano insieme per aiutare gli email marketer a creare contenuti migliori e a mantenere una lista di email coinvolte.

Lo strumento Email Marketing di SiteGround offre una visione chiara delle prestazioni della campagna. Accedi alla sezione Analitiche per esaminare le metriche chiave, come i tassi di apertura e i tassi di click, che ti aiutano a capire il coinvolgimento del pubblico.

Uno screenshot che mostra la pagina SiteGround Email Marketing Analytics

È qui che puoi verificare cosa funziona, cosa non funziona e come il pubblico percepisce realmente le tue email.

Conclusione

Per concludere, ricorda che mantenere basso il tasso di rimbalzo delle email è fondamentale per un email marketing solido. Capire il perché dei bounce ti permette di mantenere una sana reputazione del mittente e di garantire che le tue email raggiungano efficacemente il tuo pubblico.

Continua a pulire le tue liste ed evita tutto ciò che potrebbe far scattare i filtri antispam. Grazie a queste pratiche, abbinate a un monitoraggio costante, riuscirai a mantenere bassa la frequenza di rimbalzo e alto il coinvolgimento.

Quindi, prendi queste informazioni, mettetele in pratica e osserva come i tuoi sforzi di email marketing daranno risultati migliori. 

FAQ sui tassi di rimbalzo delle email

1. Qual è la frequenza di rimbalzo delle email accettabile?

Un tasso di rimbalzo accettabile è in genere inferiore al 2%. Tassi superiori a questo possono indicare problemi che devono essere affrontati.

2. Con quale frequenza devo pulire la mia lista di email?

L’igiene della lista dovrebbe essere un processo continuo, ma una pulizia accurata ogni 3-6 mesi è una buona pratica.

3. Un’alta frequenza di rimbalzo delle email può influenzare la mia intera strategia di email marketing? 

Sì, una frequenza di rimbalzo costantemente elevata può ridurre la reputazione del mittente. Soprattutto se si ottengono molti hard bounce. Questo può potenzialmente causare l’invio di un maggior numero di email alla cartella spam.

4. C’è differenza tra pulire una lista di email e segmentarla? 

Sì, la pulizia consiste nel rimuovere gli abbonati non validi o inattivi. D’altro canto, la segmentazione organizza gli iscritti attivi in gruppi specifici per campagne mirate.

5. Come si risolve un’elevata frequenza di rimbalzo delle email?
Per risolvere un’elevata frequenza di rimbalzo delle email, inizia con una pulizia della tua lista di email per rimuovere gli indirizzi non validi o inattivi. Implementa un processo di doppia conferma per garantire che le email degli iscritti siano valide e regola il contenuto delle tue email per evitare di attivare i filtri antispam. Infine, monitora le tue campagne per identificare quali email rimbalzano e perché, quindi effettua modifiche alla tua strategia basate sui dati.

Vladislava Karataneva

Redattore di contenuti tecnici

Appassionata di creazione di contenuti SEO e WordPress. La entusiasma l'apprendimento permanente e ha una fame insaziabile di acquisire competenze. La sua filosofia: il viaggio di apprendimento è infinito e la verità sta nella tecnologia che dominiamo.

Inizia la discussione

Post correlati

Sei pronto a iniziare?

Sei pronto a iniziare?

Scegli un hosting che ti aiuti a lanciare e a far crescere il tuo progetto. Nessun rischio con la nostra garanzia di 30 giorni soddisfatti o rimborsati!