Inizio
/
Assistenza sito web
/
Codice di stato 303: 3 Semplici Modi per Risolverlo

Codice di stato 303: 3 Semplici Modi per Risolverlo

Come risolvere un codice di stato 303 sul tuo sito web? Questo reindirizzamento temporaneo viene attivato dopo l’invio dei moduli, per garantire che i dati non vengano rinviati se un utente aggiorna la pagina. Tuttavia, un’implementazione errata di questo codice di stato della risposta HTTP può portare a problemi come la duplicazione dei dati dei moduli, errori di navigazione web o caricamento più lento della pagina.

In questa guida, esploreremo il codice di stato 303, il suo uso corretto e potenziali problematiche. Ti mostreremo anche 3 modi per risolverlo e ottimizzarlo per un’esperienza web più fluida.

I server web utilizzano il codice di stato 303 per reindirizzare il browser di un cliente a un URL diverso da quello nella richiesta originale. Questo reindirizzamento avviene dopo che il server web ha elaborato correttamente un’azione.

Questa è in genere una richiesta POST inviata dall’utente alla risorsa di destinazione originale. Il codice di stato 303 è definito in RFC 7231 Section 6.4.4 come ” See Other.”

Come altri codici di stato HTTP 3XX, 303 è considerato un reindirizzamento temporaneo ma richiede un metodo GET per recuperare la risorsa richiesta.

Tuttavia, l’utilizzo di un codice di stato HTTP 303 può diventare problematico in determinati scenari. Se non eseguito correttamente, potrebbe causare problemi di memorizzazione nella cache, aumento dell’utilizzo della larghezza di banda e tempi di caricamento più lenti. Ciò può compromettere l’esperienza e la soddisfazione complessiva dell’utente.

Inoltre, i sistemi obsoleti potrebbero non elaborare correttamente le risposte 303, portando a problemi di compatibilità. Errata configurazione, come l’utilizzo di reindirizzamenti 303 invece di reindirizzamenti permanenti 301 e temporanei 302, possono anche portare a navigazione errata ed errori di gestione delle richieste.

Quando & Come viene utilizzato il codice di stato 303?

Il codice di stato 303 viene utilizzato quando un browser invia dati a un server tramite una richiesta HTTP POST. Dopo aver elaborato correttamente la richiesta, il server risponde con un reindirizzamento 303 che indica al browser di caricare un URL diverso utilizzando il metodo GET. Questo reindirizzamento impedisce al browser di ricaricare la pagina originale e di rinviare inavvertitamente i dati.

Non dovresti confondere i reindirizzamenti 303 con i reindirizzamenti 301 e 302, poiché servono a scopi diversi. Ecco come differiscono:

  • 301 Moved Permanently – Questo reindirizzamento viene utilizzato quando una risorsa è stata spostata in modo permanente. Dice ai clienti e ai motori di ricerca di aggiornare i loro record, sostituendo il vecchio URL con quello nuovo nei preferiti e negli indici di ricerca.
  • 302 Found è utilizzato per reindirizzamenti temporanei. Un reindirizzamento 302 non specifica come i clienti dovrebbero richiedere nuovamente la risorsa, mantenendo in genere il metodo di richiesta originale (POST, GET, ecc.).

A differenza del reindirizzamento 302, un reindirizzamento 303 richiede specificamente l’utilizzo del metodo GET, che è l’ideale per scenari come l’invio di moduli per prevenire azioni POST duplicate durante l’aggiornamento.

Esempio tecnico di utilizzo 303

Per esaminare un esempio più tecnico dell’utilizzo dello stato HTTP 303, prenderemo il caso di una pagina di iscrizione a una newsletter.

Supponiamo che tu voglia iscriverti alla newsletter di un sito web. Di seguito, illustreremo come viene elaborata la tua azione e il risultato che vedi in questo esatto scenario.

Un'infografica che illustra l'utilizzo e il modello del codice di stato 303

Ecco una descrizione più dettagliata del grafico mostrato sopra:

  1. Quando clicchi su “Invia” nel modulo, il tuo browser invia una richiesta HTTP POST al software del server web. Questa richiesta di solito contiene i dati che hai inserito nei campi del modulo.

Ecco un esempio del codice personalizzato di un modulo di iscrizione e dei dati che raccoglie:

<form method="POST" action="/subscribe-newsletter">

<input type="email" name="email" required placeholder="Enter your email">

<button type="submit">Subscribe</button>

</form>
  1. Quindi, il server elabora i dati inviati con la richiesta POST. E aggiunge la tua email all’elenco delle newsletter.
  2. Successivamente, il server risponde con un codice di stato HTTP 303 e un’intestazione Location che punta all’URL della pagina di conferma.

Ecco un esempio di base dei codici di risposta del server inviati al browser.

HTTP/1.1 303 See Other

Location: https://www.example.com/thank-you.html
  1. Dopo aver ricevuto in risposta il codice di stato 303, il browser controlla immediatamente il campo di intestazione Location per determinare dove reindirizzarti.
  2. Indipendentemente dal metodo originale utilizzato (in questo caso, POST), il browser utilizza un metodo GET per recuperare l’URL della risorsa specificato nel campo di intestazione Location. Ciò impedisce che i dati POST originali vengano rinviati se per caso l’utente aggiorna la nuova pagina web.
  3. Quindi, il browser naviga all’URL specificato nel campo Location utilizzando una richiesta GET. Memorizza anche la pagina web richiesta da utilizzare per richieste future.
  4. Nel passaggio finale, il browser ti mostra una pagina di “Conferma”.

Cosa attiva un codice di stato HTTP 303?

Il codice di risposta 303 è il risultato di una richiesta del cliente. È spesso frainteso come un errore, ma indica semplicemente che il server ti reindirizza a una posizione diversa. Questa risposta indica che la risorsa richiesta può essere trovata in una nuova posizione e recuperata con una richiesta GET, indipendentemente dal metodo di richiesta originale.

Il codice di stato 303 può essere attivato da istruzioni di reindirizzamento non intenzionali quando utilizzato erroneamente al posto di reindirizzamenti 301 o 302. Sebbene la posizione principale della richiesta possa essere ancora la risorsa di destinazione originale, il reindirizzamento 303 sposta temporaneamente l’interazione a un nuovo URL.

La chiave qui è che il reindirizzamento 303 è pensato per aiutare il cliente a recuperare il risultato (o una risorsa correlata), NON per indicare che la risorsa originale è stata spostata in modo permanente o che il suo URL principale sia stato modificato.

Un’altra causa dello stato 303 potrebbe essere un codice personalizzato di un’applicazione o un’errata configurazione del server che gestisce in modo errato i metodi HTTP, portando all’esecuzione non corretta delle azioni previste.

Potenziali problemi relativi al codice di stato HTTP 303

Se il reindirizzamento 303 fallisce, potresti riscontrare problemi come i seguenti:

  • Il browser potrebbe mostrare un errore 404 Not Found o cadere in un loop infinito di reindirizzamenti. Può anche indirizzare gli utenti alle pagine sbagliate, influenzando sia l’esperienza utente che il flusso dell’applicazione web.
  • Aumento dell’utilizzo della larghezza di banda dovuto all’eccessivo scambio di dati tra i programmi utente (server-client).
  • Alto carico del server perché il server deve gestire richieste dei clienti non necessarie.
  • Alcuni problemi di caching potrebbero sorgere se la posizione di destinazione nel 303 non è impostata con gli header di caching appropriati. Alcuni client e proxy intermedi potrebbero erroneamente memorizzare nella cache la risposta 303 piuttosto che il risultato della successiva richiesta GET.
  • Se i motori di ricerca vengono confusi dalle pagine sbagliate, potrebbero persino influire sulla SEO. Nota che i reindirizzamenti 303 non passano il link equity. Pertanto, utilizzarli in situazioni più adatte a un 301 (reindirizzamenti permanenti) può portare a scarsi risultati SEO.

Quindi, è molto importante assicurarsi che questi reindirizzamenti siano impostati correttamente per mantenere tutto funzionante e i tuoi utenti felici.

Come risolvere un codice di stato HTTP 303 (3 modi)

Se hai problemi con un reindirizzamento 303 che non viene eseguito correttamente o causa altri problemi, questa sezione ti mostrerà 3 modi per risolverlo.

IMPORTANTE: prima di risolvere un codice di stato 303, crea sempre un backup completo del tuo siti o utilizza un ambiente staging.

Esamina la configurazione del server e i log

È necessario esaminare la configurazione del server per risolvere un codice di stato 303 problematico. Risolvere un problema con il codice di stato 303 spesso implica capire perché il tuo server di hosting web (Apache o Nginx) invia questi reindirizzamenti in modo inappropriato o eccessivo.

Per risolverlo, puoi esaminare i log del server per indizi su cosa potrebbe innescare queste risposte.

Ecco come puoi procedere:

  1. Accedi ai log del tuo server.

Per Apache, i log si trovano in genere in /var/log/apache2/ su Ubuntu o /var/log/httpd/ su CentOS . Per Nginx, controlla /var/log/nginx/. All’interno di queste cartelle, cerca i log degli errori (come error.log ) o i log di accesso (come access.log ). Tieni presente che la maggior parte dei provider di hosting gestito limita l’accesso ai log del server per motivi di sicurezza.

NOTA: i clienti SiteGround possono vedere i propri log degli errori in Site Tools e i log di accesso in Gestione File, o tramite una connessione SFTP o SSH.

  1. Analizza i file dei log.

Apri i file di registro e cerca le voci relative ai codici di stato 303. Puoi usare strumenti come grep per questo scopo. Ad esempio:

grep “303” ~/www/yourdomain.com/logs/yourdomain.com-2024-05-*
  1. Identifica uno schema dai risultati dei log.

Cerca eventuali schemi o elementi in comune nelle richieste che risultano in risposte 303. I dettagli chiave da notare includono:

  • Gli URL o gli endpoint richiesti con la richiesta primaria.
  • L’ora e la frequenza di queste richieste.
  • Eventuali azioni correlate o errori elencati prima o dopo le voci 303.
  1. Rivedi la configurazione del tuo server
    Sulla base dei tuoi risultati, controlla il file .htaccess per eventuali errori di configurazione o regole che potrebbero causare i reindirizzamenti 303 non intenzionali. Cerca in particolare le regole di rewrite, le configurazioni di reindirizzamento o le impostazioni del proxy che potrebbero attivare lo stato 303 in modo errato.

Ad esempio:

RewriteEngine On

RewriteRule ^vecchiopercorso$ /nuovopercorso [R=303]
  1. Aggiusta la tua configurazione
    Se identifichi regole o impostazioni problematiche, modificale di conseguenza. Ciò potrebbe comportare la modifica del codice di stato, la regolazione delle condizioni in cui si verifica il reindirizzamento o la rimozione completa della regola se non è necessaria.
  2. Testa la correzione
    Infine, verifica che il problema sia stato risolto riesaminando gli scenari che in precedenza hanno portato ai reindirizzamenti 303. Usa strumenti come curl per simulare le richieste e osservare le risposte:
curl -I http://tuodominio.com/percorso

Se i log del server non ti hanno dato alcun indizio, continua a leggere per imparare come esaminare i log dell’applicazione.

Controlla i log e il debug dell’applicazione

Se stai cercando di risolvere uno stato 303 in WordPress inizia scavando nei registri e nelle impostazioni dell’applicazione:

  1. Controlla i tuoi log di WordPress per messaggi di errore o voci insolite relative allo stato 303. Questa guida ai log di WordPress ti aiuterà ad accedere a dei log dettagliati.
  2. Abilita la modalità Debug di WordPress per aumentare la trasparenza del tuo sito. Trova il file wp-config.php nella tua cartella radice e modificalo per cambiare la seguente riga da define (‘ WP_DEBUG’, false) a define (‘ WP_DEBUG’, true) . Oppure aggiungi il seguente snippet:
    Schermata che mostra come modificare il file wp-config nel File Manager per abilitare la modalità Debug in WordPress per la risoluzione dei problemi relativi al codice di stato 303
define('WP_DEBUG', true);

define('WP_DEBUG_LOG', true);

define('WP_DEBUG_DISPLAY', false);
Screenshot che mostra le regole della modalità debug aggiunte per risolvere un codice di stato 303

Questo frammento di codice abilita il debug di WordPress e registra gli errori in un file chiamato debug.log nella cartella wp-content. In questo modo mantiene i messaggi di errore nascosti ai visitatori, che è una buona pratica per mantenere la sicurezza del sito e l’esperienza dell’utente.

  1. Disattiva i plugin di WordPress per verificare se un plugin crea un conflitto e causa stati HTTP imprevisti. Disattivali temporaneamente per vedere se il problema si risolve, quindi riattivali uno per uno per identificare il colpevole.
    Screenshot che mostra come disattivare tutti i plugin WordPress contemporaneamente da SiteGround Site Tools

L’implementazione sistematica di questi passaggi ti aiuterà a identificare e correggere la fonte dello stato 303, assicurandoti che il tuo sito WordPress funzioni in modo ottimale.

Se tutto sembra a posto con la configurazione dell’applicazione, potrebbe essere necessario controllare le chiamate lato cliente, quindi continua a leggere per ulteriori informazioni su questa correzione.

Aggiornare le chiamate lato cliente

A volte, il problema risiede nelle chiamate HTTP lato cliente. Assicurati che le chiamate al server siano formattate correttamente e che il metodo di richiesta di recupero specificato sia appropriato per l’azione.

Ad esempio, cambiare un POST con un GET nelle tue chiamate AJAX potrebbe risolvere il problema se il server è impostato per rispondere in modo diverso in base al metodo di richiesta.

Esamina la logica che gestisce il reindirizzamento sul lato cliente. È fondamentale che il cliente interpreti correttamente lo stato 303 ed effettui la transizione dalla richiesta POST originale a una richiesta GET per il nuovo URL. Questo comporta spesso la modifica degli script lato cliente per garantire che non riprovino automaticamente la richiesta originale ma che invece seguano il nuovo URL specificato nella risposta 303.

Ecco un esempio di una chiamata AJAX:

fetch(url, {

method: 'POST',

body: data

})

.then(response => {

if (response.status === 303) {

return window.location = response.headers.get('Location');

}

return response.json();

})

.catch(error => console.error('Error:', error));

Questo snippet assicura che se il server risponde con un codice di stato 303, il cliente seguirà il reindirizzamento come previsto.

Un codice di stato 303 influisce sulle prestazioni SEO?

Un codice di risposta 303 viene utilizzato principalmente dopo l’invio dei moduli per impedire il rinvio dei dati all’aggiornamento della pagina. A differenza dei reindirizzamenti 301 o 302, che passano la link equity al nuovo URL, un 303 è considerato temporaneo e non trasferisce il valore SEO, lasciando intatta l’indicizzazione dell’URL originale.

Tuttavia, l’uso eccessivo di reindirizzamenti 303 può sovraccaricare il crawl budget del tuo sito e aumentare i tempi di caricamento della pagina, poiché ogni reindirizzamento introduce un passaggio di caricamento aggiuntivo. Pertanto, mentre i reindirizzamenti 303 migliorano l’esperienza dell’utente evitando invii duplicati, dovrebbero essere usati con parsimonia per prevenire impatti negativi sulla performance SEO del tuo sito.

Le migliori pratiche per i reindirizzamenti 303 e la SEO

Utilizza reindirizzamenti 303 principalmente per lo scopo previsto. Ciò include la gestione degli invii dei moduli e dei cambi di metodo, quando il ritorno dell’utente allo stesso URL potrebbe comportare azioni duplicate o l’utilizzo di un metodo HTTP errato.

Dovresti anche monitorare e tenerti lontano dalle catene di reindirizzamento. I reindirizzamenti 303 non dovrebbero portare a lunghe catene di reindirizzamento, in quanto questi possono abbassare il valore SEO e aumentare i tempi di caricamento.

Inoltre, esegui controlli e aggiornamenti regolari per esaminare la necessità e la funzionalità dei reindirizzamenti esistenti, per ottimizzare le prestazioni del sito e l’efficienza della scansione.

FAQ sui codici di stato 303

Cosa significa il codice di stato 303?

Il codice di stato 303 dice al browser di “cercare altrove” dopo aver inviato i dati. Reindirizza il browser a un nuovo URL per evitare di rinviare gli stessi dati se la pagina originale viene ricaricata.

Qual è la differenza tra un codice di stato 302 e 303?

Un codice di stato 303 indica al cliente di utilizzare un metodo GET per recuperare la risorsa a un URI diverso, indipendentemente dal metodo di richiesta originale.

Al contrario, un codice di stato 302, che denota anche un reindirizzamento, non specifica esplicitamente che si debba utilizzare il metodo GET, il che può portare a mantenere il metodo della richiesta originale (ad esempio, POST).

Un codice di stato 303 è appropriato per tutti i tipi di reindirizzamenti?

No, il codice di stato 303 è specificamente raccomandato per le situazioni in cui il server richiede al cliente di separare il recupero delle risorse da altri tipi di interazione. Ad esempio, come nell’invio dei moduli. Utilizza altri codici di stato (come 302 o 301) per scopi di reindirizzamento generale.

HTTP 303 è memorizzato nella cache?

Le risposte HTTP 303 non sono memorizzate nella cache di default perché vengono utilizzate per reindirizzare temporaneamente gli utenti a un altro URL, specialmente dopo una richiesta POST. Tuttavia, una risposta 303 può essere memorizzata nella cache se il server di origine lo specifica nelle intestazioni.

Cosa dovrei controllare se il codice di stato 303 persiste anche dopo le modifiche?

Assicurati che tutte le cache (browser e lato server) sono cancellate poiché i reindirizzamenti memorizzati nella cache a volte possono causare la persistenza del vecchio comportamento. Inoltre, controlla che non ci siano proxy intermediari o CDN che sovrascrivano la configurazione del tuo server.

Condividi questo articolo