Inizio
/
Assistenza sito web
/
Statistiche ed errori
/
Come correggere un errore 404 Not Found?

Come correggere un errore 404 Not Found?

Sicuramente, hai provato ad accedere a una pagina web specifica, solo per imbatterti in un errore 404 not found. L’errore 404 è un codice di stato HTTP che indica che la pagina che stai tentando di visitare non è presente nel server. Se vedi questo errore come visitatore del sito web molto probabilmente chiuderai la pagina e troverai quello che stai cercando altrove. Tuttavia, ci sono alcune cose che puoi fare per provare a risolvere il problema dal tuo lato.

Se sei il proprietario del sito, tuttavia, dovresti intraprendere azioni tempestive per risolverlo. Ad esempio, potrebbe esserci una pagina a cui hai modificato l’URL e hai dimenticato di reindirizzarla, o una risorsa mancante nel tuo sito che causa l’errore. A causa di ciò, i tuoi visitatori potrebbero vedere un 404 Not Found quando provano ad aprire un prodotto o una pagina specifica nel tuo sito. Risolvere l’errore ti aiuterà a prevenire perdite di traffico o di posizionamento SEO.

In questo articolo, esamineremo cos’è l’errore 404, cosa lo causa, il suo impatto SEO e come puoi risolverlo. Ti mostreremo anche come creare una pagina 404 personalizzata per mantenere l’attenzione dei tuoi visitatori.

Cos’è un errore 404?

Quando cerchi una pagina in rete, stai praticamente facendo una richiesta verso il server che ospita questo sito web. Generalmente, il server risponderà con il contenuto che stai richiedendo. Tuttavia, se il server non è in grado di trovare ciò che stai cercando, risponderà con un errore 404 not found.

Secondo la guida RFC-9110 ottimizzata da IETF, il codice di stato 404 Not Found significa che “il server di origine non ha trovato una rappresentazione corrente per la risorsa richiesta o non è disposto a rivelarne l’esistenza”.

In termini semplici, questa definizione afferma che la risorsa che stai cercando non è presente nel server o c’è un reindirizzamento 301, che indirizza le pagine 404 a quelle esistenti.

Molti proprietari di siti preferiscono creare la propria pagina 404 in cui consigliano ai visitatori di utilizzare la funzione di ricerca nel sito, controllare una pagina pertinente o tornare alla home page. In questo modo, è più probabile che un utente ripeta la ricerca o trovi risposte simili all’interno dello stesso sito.

In ogni caso, il server risponde con un codice di stato 404 non solo per una pagina mancante, ma praticamente per qualsiasi risorsa assente in un sito: file immagine o file CSS/JavaScript.

Variazioni del messaggio HTTP Error 404

Potresti riscontrare l’errore 404 presentato in vari design e diciture, sebbene il problema di fondo sia il medesimo.

Le combinazioni di parole più comuni per un errore 404 Not Found sono elencate di seguito:

  • “Errore 404”
  • “404 not found”
  • “Errore HTTP 404”
  • “Non trovato”
  • “Pagina non trovata”
  • “The requested URL was not found on this server”
  • “La pagina non può essere trovata”
  • “Non riusciamo a trovare la pagina che stai cercando”
  • “L’URL richiesto /~ non è stato trovato su questo server Questo è tutto ciò che sappiamo”

L’errore standard è piuttosto diretto e semplice nel design, come mostrato sotto nello screenshot:

Firefox errore 404

Tuttavia, aziende online affidabili come eBay, cercano di mantenere l’attenzione del proprio pubblico anche se non sono in grado di fornire esattamente ciò che è stato richiesto.

error 404 ebay

In SiteGround, se non hai una pagina 404 personalizzata per il tuo sito, verrà mostrata la nostra pagina 404 personalizzata.

SiteGround 404 page

Quali sono le cause degli errori HTTP 404

In generale, un errore 404 si verifica quando sono presenti diversi possibili scenari.

  • Pagina spostata o cancellata – Immagina di aver creato un post tempo fà e, in seguito, hai deciso di modificarne l’URL slug per ottenere un punteggio SEO migliore. Tuttavia, hai dimenticato di reindirizzare la vecchia URL a quella nuova. Pertanto, quando i visitatori cercano la pagina con il suo precedente nome, riceveranno un errore 404. La stessa situazione si verifica quando hai cancellato una pagina o un post che non vuoi o di cui non hai più bisogno nel tuo sito.
  • URL non corretta – Succede anche di digitare semplicemente una URL errata nel browser e, in tal caso, il server risponderà con un errore 404 not found. Un’altra possibilità è che la pagina non sia stata collegata correttamente o che l’URL sia stata creata con errori di battitura. Pertanto, assicurati di ricontrollare l’URL che stai utilizzando per escludere un errore di battitura.
  • Problemi di caching – A volte, a causa di una cache del browser obsoleta, potresti vedere un codice di risposta 404 mentre la pagina effettiva è accessibile da altri dispositivi.
  • Risorse mancanti – Se manca un’immagine, file CSS o JavaScript, il browser genererà anche in questo caso un codice di stato 404 per esso, poiché non può individuarlo sul server.
  • Problemi DNS – Nel caso in cui tu abbia appena spostato il tuo sito a un altro provider di hosting, molto probabilmente hai puntato i record DNS del dominio al nuovo server. Quando ciò accade, il dominio entra nel cosiddetto periodo di propagazione, che può richiedere fino a 72 ore. Durante questo periodo, vari tipi di errori potrebbero apparire sul tuo sito (incluso un errore 404) fino a quando le modifiche DNS non si saranno propagate a livello globale.

Ad esempio, puoi cercare una pagina; tuttavia, il browser lo sta ancora cercando nel vecchio server. In quell’occasione, il server risponderà con un errore 404 in quanto non può individuare la risorsa.

Come risolvere l’errore 404 not found

Diciamo che stai cercando un particolare prodotto o post in un sito e ti imbatti in un errore 404 invece di ottenere ciò di cui hai bisogno. Come visitatore, puoi provare alcune cose da parte tua per vedere se questo risolverà l’errore.

  • Aggiorna la pagina – I browser possono visualizzare temporaneamente un errore 404 not found a causa di alcuni problemi di connettività. Pertanto, dovresti provare ad aggiornare la pagina con il tasto F5 o Cmd + R (nel Mac) e vedere se questo lo risolve. È probabile che l’errore sia stato solo momentaneo e, dopo aver ricaricato la pagina, tutto sarà a posto.
  • Svuota la cache del browserSe riesci a raggiungere questo sito normalmente da altri dispositivi, il dispositivo corrente potrebbe avere problemi di memorizzazione nella cache. Occasionalmente, i browser possono memorizzare una cache obsoleta di una precedente risposta 404 e pulirla può aiutare a correggere l’errore.
  • Ricontrolla l’URL – Dovresti sicuramente controllare se stai digitando correttamente l’URL, perché se anche un solo carattere viene digitato male, ti verrà mostrato un errore HTTP 404.
  • Usa la funzione di ricerca del sito – Nel caso in cui sei convinto che il sito che stai navigando contenga le informazioni di cui hai bisogno, puoi anche utilizzare la funzionalità di ricerca per provare diverse combinazioni. Può essere che ci sia tutto e solo le parole chiave che hai usato erano inaccurate.
  • Contatta il sito web – Come ultima risorsa, puoi anche contattare direttamente il sito web e verificare con gli amministratori per ulteriori informazioni. In alternativa, puoi controllare nei social media del marchio, come Twitter, per vedere se ci sono novità in merito.

Come correggere l’errore 404 in un sito WordPress

A condizione che tu gestisca un sito WordPress e l’errore 404 not found ne impedisca l’accesso, ci sono diversi punti deboli su cui puoi concentrarti. In genere è possibile correggere gli errori 404 seguendo i passaggi descritti di seguito.

Gestire un file .htaccess non funzionante

  • Rigenera il file .htaccess usando le impostazioni Permalink nella tua bacheca WordPress

Il modo più semplice per rigenerare il file .htaccess per il tuo sito WordPress è utilizzare la pagina Permalink nella tua Bacheca, purché tu abbia accesso a essa. Dopo aver effettuato l’accesso, cerca Impostazioni > Permalink dalla barra laterale e premi semplicemente il pulsante Salva le modifiche (senza apportare modifiche).

Permalink Salva le modifiche

Quest’azione rigenererà il tuo file .htaccess e, se questo era il colpevole, l’errore 404 dovrebbe essere risolto dopo un refresh.

  • Rigenera manualmente il file .htaccess per il tuo sito da Gestione File 

Nel caso in cui la Bacheca non sia accessibile, puoi rigenerare manualmente il file .htaccess usando Gestione File.

Per farlo, vai al Site Tools per il tuo sito e clicca su Sito > Gestione file. Individua il file .htaccess nella cartella public_html e fai clic due volte per aprirlo e poterlo modificare.

Gestione file .htaccess

Una volta aperto il file, sostituisci il suo contenuto con il codice sottostante e Salva le modifiche:

# BEGIN WordPress

RewriteEngine On
RewriteRule .* - [E=HTTP_AUTHORIZATION:%{HTTP:Authorization}]
RewriteBase /
RewriteRule ^index\.php$ - [L]
RewriteCond %{REQUEST_FILENAME} !-f
RewriteCond %{REQUEST_FILENAME} !-d
RewriteRule . /index.php [L]

# END WordPress

Prova poi a ricaricare la pagina e vedi se l’errore 404 è sparito, in caso contrario – continua a leggere per sapere cos’altro puoi fare.

Verifica la presenza di un .htaccess non funzionante a causa di funzionalità SEF/SEO

Abbastanza spesso, quando sono abilitate impostazioni per URL personalizzate, nuove regole vengono aggiunte al tuo file .htaccess. Se la configurazione non è eseguita correttamente, le nuove regole possono rompere il file .htaccess e ciò si traduce in errori 404.

Se hai abilitato di recente gli URL compatibili con i motori di ricerca (SEF) nella tua applicazione e hai iniziato a vedere degli errori 404 poco dopo, potresti dover rivedere la tua configurazione. Per farlo, vai alla pagina Permalink nella tua Bacheca e seleziona una delle diverse opzioni predefinite o imposta una struttura personalizzata per i tuoi link.

Impostazioni permalink WP

In alternativa, assicurati che il tuo file .htaccess nella cartella principale di WordPress abbia le seguenti regole:

RewriteBase /
RewriteCond %{REQUEST_FILENAME} !-f
RewriteCond %{REQUEST_FILENAME} !-d
RewriteRule . /index.php [L]

Controlla se vi sono risorse mancanti nel tuo sito – files o URL

Il tuo sito potrebbe restituire un errore 404, se stai cercando di raggiungere un file che non si trova all’indirizzo che stai aprendo. Di solito, tutti i file che dovrebbero essere apribili e scaricabili vengono inseriti nella cartella public_html del tuo sito.

Per assicurarti che il file che stai tentando di raggiungere sia effettivamente nel posto giusto, controlla il contenuto della cartella public_html. Puoi farlo da Gestione File in Site Tools > Sito > Gestione File. Per i siti WordPress, i file d’immagine sono solitamente archiviati nella cartella ~/wp-content/uploads.

Se scopri che il file che stai tentando di raggiungere non si trova nella cartella public_html, puoi semplicemente caricarlo utilizzando l’icona Caricamento File in Gestione File o semplicemente trascinando il file al suo interno.

Caricamento file Site Tools

Inoltre, se hai cancellato un post o una pagina di recente, dovresti impostare un reindirizzamento 301 a un’altra pagina con contenuto pertinente. Lo stesso vale per i post per i quali hai modificato lo slug dell’URL: devi impostare un reindirizzamento dal vecchio URL a quello nuovo. In questo modo, manterrai il pubblico interessato ai tuoi contenuti e ridurrai la frequenza di rimbalzo.

Ripristina da un backup

Come ultima risorsa, puoi provare a correggere gli errori di WordPress ripristinando il tuo sito da un backup. Questo può aiutarti a recuperare eventuali risorse o contenuti mancanti del tuo sito e quindi risolvere l’errore 404 che stai affrontando.

Crea la tua pagina di errore 404 not found

Il più delle volte, se richiedi una fonte, aspettando determinati contenuti, e ottieni invece un errore 404, la cerchi altrove. Allo stesso modo, i tuoi visitatori potrebbero sentirsi scoraggiati a interagire con il tuo sito, se non trovano ciò di cui hanno bisogno. Pertanto, la creazione di una pagina 404 not found personalizzata è una buona strategia per mitigare il danno causato dalla mancanza di risorse nel tuo sito.

Inoltre, ti consigliamo anche di personalizzare la pagina, inclusa la funzionalità di ricerca nel tuo sito, un link alla tua home page o anche link rilevanti per il contenuto della ricerca iniziale. Dovresti anche assicurarti che la tua pagina 404 Not Found personalizzata corrisponda al design del tuo sito. Questo approccio aiuterebbe a raccogliere il potenziale di una risorsa mancante e fornire flessibilità ai tuoi visitatori.

Inoltre, dedicare del tempo a creare la tua pagina 404 manterrà l’interesse del tuo pubblico e preverrà impressioni negative.

Con la maggior parte dei Content Management Systems (CMS) come WordPress, Joomla e Drupal, c’è una pagina 404.html inclusa nei loro temi predefiniti. Alcuni temi a pagamento come Divi incorporano modelli di pagine 404 che puoi personalizzare in base alle tue preferenze.

Se il tuo sito è basato su un codice personalizzato o la tua applicazione non comprende tale pagina, puoi crearne una manualmente. Per farlo, vai alla cartella principale del tuo sito e crea un file 404.php, dove puoi inserire il tuo codice. Per forzare il server a visualizzare il contenuto del tuo file 404.php personalizzato, incolla quanto segue nel tuo file .htaccess e Salva le modifiche.

ErrorDocument 404 /index.php?error=404

Se ti chiedi come creare una pagina di errore WordPress 404 personalizzata senza competenze di codifica o un tema che includa un tale modello, dovresti utilizzare un plugin per questo.

A parte il layout personalizzato della pagina di errore 404, puoi anche inserire la creatività nella sintassi dell’errore. Questo può trasformare un cliente insoddisfatto e mantenerlo più a lungo sul tuo sito, migliorando la frequenza di rimbalzo.

Gli errori HTTP 404 possono danneggiare il SEO di un sito web?

Motori di ricerca come Google, Bing e Yandex utilizzano algoritmi sofisticati per monitorare il comportamento dei visitatori del sito web. Il modo in cui un utente interagisce con il tuo sito influisce su gran parte del tuo posizionamento SEO.

Se un visitatore arriva al tuo sito web solo per incontrare un errore 404 not found, molto probabilmente chiuderà la pagina o farà clic sul pulsante Torna indietro nel browser. Ciò significa che l’utente ha trascorso poco tempo nel sito e non ha fatto acquisti poiché il risultato della ricerca non ha coinciso con l’intento dell’utente.

Google la considererà un’esperienza utente negativa e ne terrà conto nella frequenza di rimbalzo complessiva. La frequenza di rimbalzo è uno dei fattori più importanti nella costruzione di un sito web SEO-friendly. Ad esempio, se il tuo sito genera una frequenza di rimbalzo elevata, Google mostrerà la tua pagina più in basso nel Search Engine Results Pages (SERPs).

Per evitare gli effetti negativi dell’errore 404, dovresti ispezionare regolarmente il tuo sito per link rotti, e sforzarti di correggerli o reindirizzarli ad altre pagine rilevanti.

Come rilevare e rintracciare i link rotti?

Come abbiamo discusso finora, è molto importante rilevare eventuali link rotti nel tuo sito web e sistemarli. Ad esempio, se elimini un post, è meglio impostare un reindirizzamento verso un’altra pagina pertinente per mantenere il traffico all’interno del tuo sito web. In questo modo, puoi mantenere i vantaggi SEO del link juice dai backlink di qualità (link in entrata) al post che hai eliminato.

Tuttavia, se non ci sono altre pagine rilevanti a cui reindirizzare quella cancellata, puoi tenerla così com’è e semplicemente rimuovere tutti i link interni che puntano a essa.

Nel caso in cui ci siano link in uscita dal tuo sito che rispondono con un codice 404, dovresti rivederli e correggerli. Correggendo tali link in uscita migliorerai il crawl budget del tuo sito, impedendo al motore di ricerca di scansionare pagine inesistenti.

Ci sono molti strumenti web che puoi usare per il rilevamento di link rotti e offrono funzionalità flessibili che illustreremo di seguito:

  • Puoi utilizzare lo strumento Google Search Console per tenere traccia degli errori 404 sul tuo sito se l’hai verificato con Google. Dopo aver effettuato l’accesso al tuo account Search Console, vai a Scansione > Errori di scansione > Non trovato per controllare l’elenco con tutti gli URL che restituiscono 404. Quando li hai identificati tutti, dovresti seguire i passaggi necessari per impostare i reindirizzamenti per i contenuti rimossi o prendersi cura di eventuali link in uscita presenti.
  • Un altro popolare strumento basato sul web per tracciare i link interrotti è il Dead Link Checker. Inviando l’URL del tuo sito, lo strumento eseguirà la scansione del tuo sito Web, identificando eventuali link non funzionanti. Lo strumento fornisce controlli manuali gratuiti e abbonamenti premium per controlli automatici con report.
  • Un altro ottimo strumento da utilizzare è il Free Broken Link Checker di Ahrefs. Questo strumento esegue la scansione del tuo sito alla ricerca di link non funzionanti e ti dà la possibilità di pianificare scansioni giornaliere, settimanali o mensili.
  • Per i siti WordPress, puoi utilizzare un plugin come Yoast SEO Premium che rileva automaticamente le modifiche negli URL e imposta un reindirizzamento verso il nuovo URL slug.
  • Ultimo ma non meno importante, puoi utilizzare il plugin Reindirizzamento per WordPress per configurare i reindirizzamenti per eventuali collegamenti interrotti e gestirli in modo più efficiente.

In conclusione, l’errore 404 not found significa che mancano alcuni contenuti o che ci sono problemi di configurazione nel sito web. Incustodito per troppo tempo, questo tipo di errore può danneggiare il tuo posizionamento SEO e influire sulla tua attività. Pertanto, vale la pena provare a correggere un errore 404 utilizzando i suggerimenti in questo articolo.

In termini di prevenzione, è bene ispezionare frequentemente il tuo sito per link rotti e correggerli o reindirizzarli, se tali sono segnalati. Inoltre, la creazione di una pagina di errore 404 personalizzata per il tuo sito potrebbe potenzialmente mantenere la navigazione dei tuoi visitatori.

Condividi questo articolo